Consigliamo:
MP system s.r.l.    LaSalute.info

Procedura per il trattamento di ulcere croniche degli arti inferiori con metodo del LIPOFILLING

Si parla sempre di risultati nella Sanità in posti lontani dal Veneto Oriemtale. Sembra che tutto sia meglio fuori a casa. Siamo contenti di poter dire che anche a San Donà si stanno facendo cose belle e utile e che rappresentano l’eccellenza , almeno per alcune patologia.

In modo particolare per la terapia delle ulcere trofiche degli arti inferiori e nel piede diabetico.

Vi avevamo annunciato che la equipe formata dal Chirurgo Plastico Dr Antonio Corezzola e dal Chirurgo Generale Madeyski Paolo avevano iniziato nel mese scorso la tecnica de Lipofilling rigenerativo per la terapia delle ulcere di vari tipo degli arti inferiori

IUN questi due mesi scarsi abbiamo trattato 7 paziente. I risultati sono soddisfacenti ma non hanno numeri per poter diffondere i risultati.
LO faremo al raggiungimento di un numero di 16-20 pazienti trattati come comunemente si trova in letteratura.
Possiamo però dire che i risultati sono confrontanti e ci inducono a continuare con tale terapia nei casi selezionati

Crediamo utili pubblicare le procedure e i protocolli che rispettiamo nell’usare tale terapia.
Nulla vieta che nel corso d’opera possano esserci delle variazioni che la pratica o l’esperienza ci possa insegnare. Se ci fossero variazioni questa saranno comunicate

A fine anni con un numero sufficiente di pazienti trattati sarà pubblicato un lavoro scientifico in spagnolo e in italia sulal nostra esperienza e sulla efficacia di tale terapia

Qui sotto di seguito la nostre metodica

 

Procedura per il trattamento di ulcere croniche degli arti inferiori con metodo del LIPOFILLING

1) Scelta di pazienti
Ulcere croniche arti inferiori con scarsa tendenza alla granulazione
Natura diabetica o vascolare ( venosa o arteriosa).
Pazienti che abbiano già subito trattamenti (medici, innesti o ossigenoterapia topica o iperbarica)
Perdita di sostanza e atrofia dei tessuti molli (postramatico,iatrogenico,cicatriziale)
2) Trattamento in regime di daysurgery o in ricovero ordinario se ci fossero motivi di terapie associate
3) Esami stabiliti con l’anestesisti per procedura in TIVA ( Total intravenous anaesthesia )
4) Tampone all’ingresso per esame culturale e antibiogramma
5) Medicazione pulitura ulcera con fisiologica all’ingresso ( non uso di betadine)
6) Prelievo grasso
Si usa siringa da 10 cc o meglio di 20 cc con canula di diametro di 2mm da liposuzione
anestesia locale ( mepivìcaina con epinefrina 1:1000 ); la dose dipende dalle dimensione della lesione.
infiltrazione di fisiologica 100 ml
7) Sede del prelievo
Interno ginocchio, gluteo, addome , fianco
8) Prelievo di 10-20 cc di grasso
9) Centrifugare la siringa per 3 minuti in centrifuga sterile.
10) Toilette chirurgica con esame istologico di ogni tessuto fibrinosi o necrotico
11) Inieizione degli adipociti in ragione di 5-10 cc usando un ago 18 gauge
12) Sede di iniezione: sede centrale e nei bordi a livello della giunzione dermoepdermica
13) Medicazione con bagnata di fisiologica
14) Dimissione generalmente al pomeriggio
15) Controllo in terza giornata e quindi settimanalmente
16) Ossigenoterapia normobarica dalla terza giornata